/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2020, 11:50

Imperia, al via il nuovo anno di Scienze del turismo: impresa, cultura e territorio.

"Il turismo è certamente uno dei settori più colpiti dalla pandemia di Covid-19. Proprio per questo – spiega il professor Zanini – il suo rilancio richiederà esperti capaci di disegnare il turismo del futuro"

Imperia, al via il nuovo anno di Scienze del turismo: impresa, cultura e territorio.

 

Con l’incontro di accoglienza delle matricole di lunedì 21 settembre, in presenza e in streaming, il Polo Universitario di Imperia ha avviato il nuovo anno del corso di laurea in Scienze del turismo: impresa, cultura e territorio. Il turismo è certamente uno dei settori più colpiti dalla pandemia di Covid-19. Proprio per questo – spiega il professor Andrea Zanini, coordinatore del Corso – “il suo rilancio richiederà esperti capaci disegnare il turismo del futuro e Scienze del turismo prepara proprio ad un futuro professionale nel turismo di domani”.

Attivo ormai da sette anni, Scienze del turismo ha già immesso sul mercato diverse decine di laureati, alcuni dei quali stanno proseguendo gli studi con un master o un percorso magistrale, mentre molti altri lavorano. I dati resi disponibili pochi giorni fa dal Consorzio Interuniversitario Almalaurea rivelano che, a un anno dalla conclusione degli studi, il 63,2% dei laureati imperiesi lavora, contro una media nazionale, riferita ai corsi di laurea analoghi, del 39,9%.

“È un ottimo risultato – commenta ancora il professor Zanini –  e testimonia la solidità del percorso formativo che consente di acquisire un titolo di studio valido e immediatamente spendibile sul mercato del lavoro”. I dati Almalaurea rivelano poi che i laureandi imperiesi hanno espresso livelli di soddisfazione più elevati rispetto alla media nazionale per quanto concerne l’organizzazione della didattica e degli esami, le strutture e i servizi a disposizione (aule, biblioteca, spazi studio). La percentuale di studenti che si dichiara complessivamente molto soddisfatta del corso di laurea è del 42,9% e il totale delle risposte positiva arriva al 94,3%, contro dati nazionali rispettivamente del 34,1% e dell’87,1%.

“Sono risultati di cui siamo molto soddisfatti – conclude il professor Zanini – raggiunti grazie all’impegno costante di docenti e personale amministrativo dell’Ateneo e di SPU – la Società che gestisce il Polo di Imperia - e che testimoniano l’elevata qualità del nostro corso di laurea”. Dati che, peraltro, smontano inequivocabilmente un diffuso pregiudizio che studiare in un polo universitario decentrato costituisca una scelta di serie B. L’avv. Gianni Giuliano, Amministratore Unico della Società per l’Università, rileva come il successo e la vitalità del corso di laurea di “Scienze del turismo”, con la prospettiva di sviluppo della stessa sul territorio sanremese, fa ben sperare in ordine a risultati occupazionali interessanti.    

 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium