/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2020, 13:49

Ordinanza del Ministero: al confine Italia-Francia si continua a transitare, Parodi "Situazione confusa" (Foto e Video)

"Sui giornali transalpini è stata proposta un’intervista al Ministro Speranza, che avrebbe risposto che i tamponi vengono fatti solo in aeroporto. Le Leggi devono essere chiare con i servizi in proposito".

Ordinanza del Ministero: al confine Italia-Francia si continua a transitare, Parodi "Situazione confusa" (Foto e Video)

Potremmo giudicarla una situazione in stand-by, quella che si vive al confine italo-francese tra Ventimiglia e Mentone dove, teoricamente, non sarebbe concesso di passare ai transalpini diretti sul territorio italiano.

Il condizionale è d’obbligo in questo caso, in base all’ordinanza emessa lunedì (e in vigore da ieri) dal Ministero della Salute che vieterebbe l’ingresso in Italia, tranne i lavoratori frontalieri e casi di provata necessità. Al confine, lo abbiamo sottolineato più volte anche ieri, non viene applicata l’ordinanza e si transita regolarmente, ma la situazione è comunque paradossale come confermatoci dal segretario del Fai, Roberto Parodi.

“E’ una situazione di totale confusione – ha detto Parodi - perché c’è una Legge e un’ordinanza che fa riferimento al Decreto di agosto, nel quale è scritto che, chi arriva dalla Francia deve sottoporsi a tampone, tranne i lavoratori transfrontalieri. Sui giornali transalpini è stata proposta un’intervista al Ministro Speranza, che avrebbe risposto che i tamponi vengono fatti solo in aeroporto. Le Leggi devono essere chiare con i servizi in proposito. Per i lavoratori non ci sono problemi perché le forze dell’ordine non ne sanno niente ma, immaginiamo che prima o poi l’ordinanza verrà applicata. Per noi si tratterebbe di un ritorno a giugno, quando ci volevano due ore e mezza per andare a lavorare”.

Dopo le dichiarazioni rilasciate ieri, anche oggi il Presidente di Confcommercio a Ventimiglia, Dario Trucchi, ha confermato le preoccupazioni del settore nella città di confine: “Effettivamente si transita senza problemi – ha detto – ma, se l’ordinanza dovesse essere applicata si rischia di non poter più contare sul turismo commerciale di cui viviamo. Siamo certi, infatti, che chiudendo la frontiera, si rischia che molte attività possano chiudere a breve. E’ ovvio che l’informazione fatta, seppur veritiera, rischia di fermare la gente e quindi i nostri clienti, nonostante si transiti regolarmente. Abbiamo chiesto ai militari presenti al confine cosa dicono i francesi e sono molti a chiedere se si può passare. Sicuramente siamo di fronte a un grosso problema”.

In proposito ci si chiede come è andata l’estate sul piano turistico a Ventimiglia: “Dopo un giugno e luglio un po’ traballanti, il mese di agosto è stato positivo, ovviamente grazie al passaggio di francesi. Di questo siamo fortunati e siamo soddisfatti di quanto accaduto in estate, ma l’inverno è lungo e con questa ordinanza siamo preoccupati. Abbiamo fatto le nostre rimostranze ed ora cercheremo di capire come andrà a finire”.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium