/ Cronaca

Cronaca | 07 ottobre 2020, 12:11

Borghetto d'Arroscia, scatta la gara di solidarietà per Simone e Alessia: la sera dell'alluvione, un incendio ha distrutto la loro casa a Gavenola

La raccolta fondi è stata attivata, con il supporto del Comune e del parroco Don Pierdamiani, dall'associazione 'Pro santuario Santi Cosma e Damiano'. Il presidente Donato: "Abbiamo sentito il dovere di aiutarli, non hanno più niente"

Borghetto d'Arroscia, scatta la gara di solidarietà per Simone e Alessia: la sera dell'alluvione, un incendio ha distrutto la loro casa a Gavenola

La Valle Arroscia, colpita duramente dal maltempo che ha devastato il ponente ligure venerdì scorso, si dimostra ancora una volta solidale. In questi giorni tanti sono i volontari, e tra questi anche semplici cittadini, che si stanno spendendo per liberare strade e case dal fango, ma a Borghetto d’Arroscia si pensa a fronteggiare anche un’altra emergenza. È scattata infatti una gara di solidarietà nei confronti di una giovane coppia. Mentre l'alluvione flagellava il ventimigliese e l’entroterra, nella frazione di Gavenola si consumava un altro grave danno: l'abitazione di una giovane coppia, Simone Forno e Alessia Granato che hanno un bimbo piccolo, da poco ristrutturata, è andata completamente distrutta da un incendio nella notte proprio tra venerdì e sabato.

Il maltempo ha reso molto difficile l'arrivo e l'intervento dei Vigili del Fuoco in quel centro storico. Dalle fiamme quella famiglia è riuscita a 'salvare' pochi documenti e i telefonini. Tutto è andato distrutto. L'associazione culturale 'Pro santuario Santi Cosma e Damiano' di Gavenola, presieduta da Franco Donato, insieme al Comune, retto dal sindaco Luca Ronco, e al parroco Don Pierdamiani di San Colombano in Gavenola, si sono subito dati da fare offrendo tutta la collaborazione possibile e dando vita ad una raccolta fondi. 

“È un nostro caro amico che ha avuto questa disgrazia, dice alla nostra testata il presidente dell’associazione Franco Donato, e abbiamo sentito il dovere di dargli una aiuto. Non ha più niente. Né la casa, né i vestiti. Questa famiglia è davvero in difficoltà ed è per questo che abbiamo attivato una raccolta fondi e invitiamo quindi i cittadini a partecipare. Speriamo di raccogliere il più possibile.  Sicuramente non riusciremo a raccogliere la cifra utile per ricostruire la casa, ma ciò può rappresentare un contributo per andare avanti”.

Per donare ci sono diverse modalità. Si può contribuire attraverso un bonifico intestato ai coniugi Simone Forno e Alessia Granato inserendo nella causale “Un abbraccio solidale”. L’iban è: IT11 D076 0110 5000 0103 8746 374. Questo è il conto privato e quindi i bonifici arriveranno direttamente a loro.

Oppure a Gavenola, presso l’alimentare Rovere, il panificio Cacciò e il ristornate Marilena nonché a Borghetto d’Arroscia presso il bar del entro, Rovere Franco &C. sono state poste delle cassette dove tutti possono lasciare un’offerta. Le cassette sigillate saranno aperte poi alla presenza dei coniugi Forno.

Angela Panzera

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium