/ Al Direttore

Al Direttore | 14 ottobre 2020, 15:16

Calo delle temperature, la riflessione di un nostro lettore sull'accensione dei riscaldamenti per prevenire i malanni di stagione in tempi di Covid-19

"Mi chiedo se fosse opportuno specialmente quest'anno - ci scrive- per evitare malanni da raffreddamento consentire l'avvio dei riscaldamenti per 2 o 3 ore al giorno già in questo periodo"

Calo delle temperature, la riflessione di un nostro lettore sull'accensione dei riscaldamenti per prevenire i malanni di stagione in tempi di Covid-19

Il nostro lettore Marzio Belloni pone una riflessione relativa all'accensione dei riscaldamenti nei condomini. "Come tutti constatiamo 'non ci sono più le mezze stagioni', ci scrive, e il passaggio dal caldo (anche troppo) dell'estate al freddo è più repentino di un tempo. Per chi rimane fermo in casa a lungo nella giornata, persone anziane ma non solo, in attesa dell'accensione dei riscaldamenti a metà novembre, la temperatura giorno dopo giorno diminuisce stante la scarsa capacità di mantenimento termico di costruzioni risalenti per lo più agli anni 50/60.

"Sì certo si può ovviare ad esempio con stufette elettriche, prosegue il nostro lettore, ma con le attuali e persistenti basse temperature esterne a volte anche durante le ore soleggiate, il risultato è minimo per di più a fronte di spese in consumi elevate. Per chi è attivo basta uscire di casa per ovviare al problema, ma per le molte persone anziane e non solo che non possono farlo, il problema persiste; considerando anche che l'emergenza sanitaria sconsiglia di ritrovarsi fuori casa con altre persone o frequentare luoghi al chiuso ma anche all'aperto dove è probabile non avere le dovute precauzioni sanitarie. Mi chiedevo quindi se non fosse opportuno, specialmente quest'anno dove evitare malanni da raffreddamento è quanto mai importante per non sovrapporsi ai problemi col Covid-19, consentire l'accensione dei riscaldamenti condominiali per 2-3 ore mattino-sera già di questi tempi; cosa che dopotutto già può permettersi chi usufruisce del riscaldamento autonomo, visto che comunque controlli in tal senso mai si sono visti". 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium