/ 

| 14 ottobre 2020, 07:11

Fine dell'isolamento per Triora: oggi la riapertura della strada franata con quattro giorni d'anticipo

Soddisfatto Massimo Di Fazio, sindaco di Triora che ci ha detto: "La riapertura con anticipo è possibile grazie ad un lavoro portato avanti senza sosta, ogni giorno. Ci tengo a ringraziare tutti".

Con quattro giorni d'anticipo rispetto alla tabella di marcia finirà oggi l'isolamento di Triora. E' prevista nel pomeriggio l'apertura a senso unico alternato, con un limite per i mezzi pesanti. 

Nel corso della giornata odierna, verranno posizionate le barriere per delimitare la corsia percorribile che sarà regolamentata da semaforo. Un momento importante per le tante famiglie e le imprese che erano rimaste bloccate a Triora, nelle sue frazioni e a Corte di Molini di Triora. 

Ieri è stata ultimata la ricostruzione della parete che ha permesso di colmare la voragine creatasi sulla strada provinciale 548, nella notte dell'alluvione tra il 2 e il 3 ottobre. Il sindaco di Triora, Massimo Di Fazio, ha fornito l'idea alla base della progettualità messa in opera dalla Provincia e oggi ha così commentato il traguardo raggiunto: "E' un grande successo per Triora e la valle Argentina. Siamo riusciti a ripristinare la viabilità in netto anticipo rispetto a quanto inizialmente programmato. Questo grazie all'importante sinergia creatasi con la Provincia che ci ha ascoltato nel momento del bisogno". 

"Se oggi possiamo parlare di successo però lo dobbiamo non solo alle istituzioni ma anche agli altri attori intervenuti. In particolare ci tengo a ringraziare personalmente Franca Garbarino e Sara Arata della Cava, la società BBR con Luciano Astini, Pino Briatore, Rinaldo Roggeri, Flavio Bogliolo e Matteo Rosciano così come l'impresa Tremoviter di Silvestro Ghilardi che ha eseguito i lavori" sottolinea Di Fazio. 

"La riapertura con anticipo è possibile grazie ad un lavoro portato avanti senza sosta, ogni giorno. Sono sicuro che al mio ringraziamento si unirà l'intera comunità della Valle Argentina colpita da questa alluvione" - conclude il sindaco di Triora e presidente dell'Unione dei Comuni delle Valli Argentina e Armea.

I lavori sulla provinciale in questo tratto proseguiranno. L'obiettivo è di riaprire quanto prima a doppio senso, senza limitazioni, completando così la messa in sicurezza di questo tratto della provinciale.  

La fine dell'isolamento di Triora e dell'alta valle Argentina è un passo importante e atteso verso il ritorno alla normalità. Riavere una strada, ha una valenza per la comunità ma soprattutto permetterà di garantire approvvigionamenti più semplici così come l'arrivo dei materiali necessari per i lavori che presto dovranno partire. Infatti non bisogna dimenticare i molti altri problemi lasciati dall'alluvione che ha colpito questa vallata 10 giorni fa. 

Stefano Michero

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium