/ Politica

Politica | 17 novembre 2020, 16:15

Liguria zona rossa? Oggi l'incontro governo-regioni, Toti: "Criteri più semplici prima di ogni decisione"

Il presidente della Regione: "Prima di rinnovare il provvedimento occorre stabilire un meccanismo di condivisione delle decisioni più efficiente e comprensibile per i cittadini"

Liguria zona rossa? Oggi l'incontro governo-regioni, Toti: "Criteri più semplici prima di ogni decisione"

Liguria zona rossa? È uno dei provvedimenti al vaglio del governo. Questo pomeriggio i rappresentanti dell'esecutivo incontreranno governatori delle regioni, che si sono già confrontati tra loro questa mattina in videoconferenza. I presidenti chiedono nuovi parametri per valutare l'andamento dell'epidemia. Una richiesta arrivata anche dal comitato tecnico scientifico che ha messo in discussione l'indice rt, secondo cui la cabina di regia del governo decide quali delle regioni debbano essere collocate nelle zone gialle, arancioni e rosse.

Gli scienziati tuttavia ritengono l'rt inaffidabile perché non consentirebbe di agire con misure più stringenti in territori dove l'indice è più basso a causa del tracciamento ormai saltato, ma che potrebbe salire nelle prossime settimane. Secondo indiscrezioni giornalistiche, le due regioni candidate a passare dall'arancione al rosso sarebbero Puglia e Liguria. Sarebbero inoltre possibili differenze di zone all'interno delle regioni.

Il presidente della Liguria Giovanni Toti, che nei giorni scorsi aveva auspicato un ritorno in zona gialla entro l'8 dicembre, in un post sui social pubblicato alcune ore fa (QUI) dopo il confronto con le altre regioni, parla di nuovi parametri richiesti al governo, prima di qualunque decisione alla scadenza dell'attuale Dpcm, fissata per il 3 dicembre.

Criteri più trasparenti, semplici e aggiornati alla realtà delle singole Regioni. - ha scritto Toti - Un serio confronto politico tra Governo e Regioni sulle misure da prendere in ogni territorio, che tengano conto anche della situazione economica e sociale. Queste sono le richieste che i governatori hanno inoltrato questa mattina al Governo prima delle valutazioni che porteranno in settimana alla definizione di nuovi passaggi di zona delle Regioni. Il 3 dicembre scade anche il Decreto del Presidente del Consiglio che regola attualmente il contrasto al Covid. Prima di rinnovare il provvedimento occorre stabilire un meccanismo di condivisione delle decisioni più efficiente e comprensibile per i cittadini. Oggi le istituzioni devono lavorare insieme, evitando le troppe polemiche e i giudizi sommari di questi giorni”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium