/ Cronaca

Cronaca | 06 gennaio 2021, 07:21

A ‘2 ciapetti con Federico’ lo sconforto degli operatori turistici. Berrino: “In quanti riapriranno?”

Durante la puntata di ieri sera gli imprenditori del settore turistico hanno espresso tutto il loro sconforto e la preoccupazione per il futuro: “E’ un baratro dove non si vede il fondo".

A ‘2 ciapetti con Federico’ lo sconforto degli operatori turistici. Berrino: “In quanti riapriranno?”

Il difficile momento che stanno vivendo le imprese legate al turismo è stato al centro della puntata di ‘2 ciapetti con Federico’ andata in onda ieri sera. In trasmissione, insieme all’assessore regionale al turismo Gianni Berrrino, sono intervenuti alcuni imprenditori del settore che hanno analizzato l’attuale situazione e le prospettive future.

Quello che distrugge è l'incertezza per la quale non si capisce come potersi programmare – ha detto Gianmarco Bella Maccario (locale Pico Centrale e spiaggia Pico de Gallo di Sanremo) – Sembra che a governarci siano degli incompetenti. Come si fa a dire di riaprire due giorni per poi richiudere il sabato e la domenica. Un imprenditore che ha un ristorante e dei dipendenti, deve infatti farli tornare a lavorare due giorni prima per fare gli ordini e preparare tutto, ma se poi di nuovo si torna zona rossa nel fine settimana ... sono cose assurde. Viene angoscia e voglia di non avere più stimoli”.

E’ un baratro dove non si vede il fondo – hanno aggiunto Virginia e Alberto Nattero (Hotel Giuan di Arma di Taggia) - Noi siamo aperti con una delle nostre due strutture solo per dare un servizio, ma non ci ripaghiamo neanche le spese. Facciamo numeri ridicoli con una o due camere solo nei primi tre giorni lavorativi della settimana”.

Avremo bisogno di ristori veritieri e sostanziali che ci permettano di andare avanti e arrivare alla primavera – è intervenuto Davide Sattanino (Hotel Parigi di Bordighera) – Non si capisce niente perché un giorno si è gialli, uno arancioni e uno rossi.  Un albergo o un ristorante non può sperare di riaprire l’indomani mattina, perché ci sono prima tante cose da fare e personale da ricontattare. Non so in quanti riapriremo, ci sono troppe incognite”.

Un timore percepito anche dallo stesso assessore Gianni Berrino. “A me non spaventa il fatto che si torni a viaggiare, perché non mancherà questa voglia come abbiamo anche visto in estate – ha detto - Il problema è chi sopravviverà a questa crisi e quante strutture saranno ancora aperte. E’ questo il grande problema che avverto e per il quale continuo a battermi per avere un preciso stato giuridico per la crisi del turismo e perché siano dati i ristori nella misura e nei tempi corretti affinché le imprese possano sopravvivere”.

Guarda l'estratto dell'intervista:

Guarda la trasmissione integrale:

Vi invitiamo infatti a mettere mi piace alla pagina Facebook  "2 ciapetti con Federico" dove troverete anticipazioni e commenti: https://www.facebook.com/2ciapetticonFederico 

"2 ciapetti con Federico" ha anche un suo profilo Instagram https://www.instagram.com/2ciapetticonfederico/?hl=it  

Federico Marchi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium