/ Cronaca

Cronaca | 02 marzo 2021, 08:44

Sanremo: quattro nuovi positivi nel carcere di Valle Armea, la UilPa lancia l'allarme e chiede una solerte campagna vaccinale

Dall’8 marzo prossimo gli agenti penitenziari della Liguria riceveranno la prima dose di AstraZeneca: “Siamo però in ritardo" commenta il leader della UilPa, Fabio Pagani.

Sanremo: quattro nuovi positivi nel carcere di Valle Armea, la UilPa lancia l'allarme e chiede una solerte campagna vaccinale

“Gli ultimi dati sui contagi da Covid-19 nelle carceri liguri, fanno segnare una nuova inversione di tendenza al rialzo ed è il carcere di Valle Armea a Sanremo a registrare quattro nuovi positivi, tra le fila della Polizia Penitenziaria e un detenuto”.

Lo ha confermato al nostro giornale Fabio Pagani, Segretario Regionale del sindacato UilPa Polizia Penitenziaria, che prosegue: “Non è il momento di abbassare la guardia e, anzi  è ancora più attuale l’urgenza di interventi governativi che muovano in più direzioni. Da un lato, verso il deflazionamento della densità detentiva, il rafforzamento della Polizia Penitenziaria, di cui vanno migliorati anche gli equipaggiamenti, e il potenziamento del servizio sanitario reso in carcere. Dall’altro, mirando alla messa in campo di una campagna vaccinale totale, che riguardi operatori e detenuti, con adeguati criteri di priorità contemperati con le esigenze complessive del paese, ma che tengano conto della promiscuità delle nostre carceri, fatte anche di sovraffollamento, carenze strutturali e deficienze organizzative”.

Dall’8 marzo prossimo gli agenti penitenziari della Liguria riceveranno la prima dose di AstraZeneca: “Siamo però in ritardo - commenta il leader della UilPa - basti pensare che la seconda dose la riceveranno a distanza di 70 giorni. Si teme che la situazione possa presto ritornare ai picchi dello scorso mese di novembre, in particolare nel carcere di Sanremo”.

“Domenica scorsa – termina Pagani - il Covid ha fatto la terza vittima fra gli appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria in provincia di Caserta. Rivolgiamo un ennesimo appello a tutte le istituzioni interessate affinché si intervenga con più decisione ed efficacia sul sistema penitenziario e, lo ribadiamo, occorre una vaccinazione totale per le carceri (agenti, detenuti e tutti coloro che per qualsiasi motivo fanno ingresso all’interno delle strutture penitenziarie)”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium