/ Attualità

Attualità | 31 marzo 2021, 11:52

Imperia: assembramenti al campetto delle Ferriere, la polizia municipale sventa partita 'clandestina', ira di Genitori Attivi

“La rete è sempre stata rotta, i ragazzi ci sono sempre entrati in qualunque momento storico, e AGA chiede da cinque anni al Comune, che fino a pochi mesi fa aveva la gestione, di mettere una rete elettrosaldata”, si sfoga a Imperia News la presidente dell'associazione, Federica Novelli

Imperia: assembramenti al campetto delle Ferriere, la polizia municipale sventa partita 'clandestina', ira di Genitori Attivi

A pochi giorni dal botta e risposta tra Comune e Provincia sulla gestione del campetto delle Ferriere, le cronache cittadine narrano di blitz antiassembramento della polizia municipale che ieri sera ha sorpreso un gruppo di ragazzi impegnati in una partita di basket 'clandestina'.

L'aggettivo è corretto, perché siamo in zona arancione e sono vietati gli sport di contatto amatoriali, quindi anche le partite di pallacanestro. Ma allora, perché gli agenti intervenuti non hanno multato i presenti (sembrerebbe ci fossero anche adulti), che oltretutto soni entrati di soppiatto in un campetto chiuso al pubblico con tanto di lucchetto?

I giocatori clandestini sarebbero entrati sfruttando il buco di una rete, la stessa rete che l'associazione Genitori Attivi chiede da anni invano al Comune di riparare.

La rete è sempre stata rotta, i ragazzi ci sono sempre entrati in qualunque momento storico, e AGA chiede da cinque anni al Comune, che fino a pochi mesi fa aveva la gestione, di mettere una rete elettrosaldata”, si sfoga a Imperia News la presidente dell'associazione, Federica Novelli.

Il Comune – continua – non l'ha mai aggiustata, tapullava, ma la rete è sempre stata un colabrodo, quindi loro stessi hanno permesso che i ragazzi entrassero tutti i giorni. Non mi sembra che l'assessore Gagliano si sia mai presentato al campetto durante il lockdown, quando all'interno del campetto c'erano cattive frequentazioni. Non mi sembra inoltre che in quel periodo, nonostante avessimo chiesto l'intervento di monitoraggio delle forze dell'ordine, la polizia municipale sia intervenuta. Chissà perché il Comune ha deciso di farlo adesso che la gestione è passata in mano alla Provincia e soprattutto dopo le ultime polemiche”.

Federica Novelli risponde infine alle persone che avrebbero manifestato il proprio fastidio per i rumori provenienti dal campetto. “A chi disturba il suono del pallone, vorrei chiedere chi sono le quasi mille persone che hanno firmato la petizione per riaprire il campetto”.

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium