/ Attualità

Attualità | 07 aprile 2021, 07:11

Imperia, passano le settimane e ancora il Comune non sostituisce i tombini in via Amendola, l'ira di residenti e negozianti: "A rischio la sicurezza di tutti" (foto)

Nonostante le varie segnalazioni, ci sono sempre i birilli che 'invitano' a fare attenzione. I commercianti della zona hanno più volte richiesto l'intervento: "annunciano sempre nuove opere e poi non riescono a fare una cosa così semplice. Quanto si deve attendere?"

Imperia, passano le settimane e ancora il Comune non sostituisce i tombini in via Amendola, l'ira di residenti e negozianti: "A rischio la sicurezza di tutti" (foto)

Cresce il malcontento tra i residenti e i commercianti di via Amendola, una delle principali del centro di Oneglia, per il mancato intervento del Comune in merito alla sostituzione di alcuni tombini. Al momento i tre tombini, posti su entrambi i lati della strada, sono segnalati da alcuni birilli, ma è da oltre un mese che gli uffici sono stati interessati della situazione e nulla è cambiato.

“Quello che non si comprende- ci spiega un commerciante- è il motivo di questa inefficienza. È così complicato sostituire la griglia di un tombino? In questa città si annuncia ogni due giorni l’avvio di cantieri e opere, ma poi nessuno riesce a porre rimedio a una situazione così banale”.

Il marciapiede in quella via è stretto e se per caso si dovesse appoggiare il piede su uno di essi si rischia di cadere o di finire per strada, dove transitano auto e mot. Come accaduto il mese scorso, così come riportato dalla nostra testata, quando un’anziana di 86 anni è caduta e si è rotta il naso. Neanche questo episodio ha portato ad una risoluzione.

“Siamo nella stessa situazione- chiosa un altro commerciante che ha proprio il negozio sulla via- forse vogliono che qualcuno si faccia davvero male per intervenire?, si chiede ironicamente. Anche i residenti della zona auspicano ad un’immediata sostituzione.

Sempre il mese scorso proprio in quel punto erano apparsi dei cartelli contro il Comune proprio per sollecitare l’intervento.  I cartelli riprendevano ironicamente frasi utilizzate dall'amministrazione, come la più recente: "Il futuro inizia sempre con un cantiere", che diventa: "Ogni grande opera parte da un piccolo cantiere, se nell'ospedale ci sono i topi io porterò i gatti".

“Neanche questa forma di protesta, chiamiamola così, è servita. Cosa dobbiamo fare?, conclude uno dei negozianti, sostituirli noi a nostre spese? Ci sono gli uffici competenti per questo. Come piantano gli alberi, sostituiscono i portabici e le panchine, interventi sicuramente necessari, possono anche sostituire dei semplici tombini anche perché qui è a rischio la sicurezza non solo di chi qui ha un attività o ci abita, ma di chiunque passi da una delle vie principali della città a pochi metri da piazza Dante”.

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium