/ Attualità

Attualità | 08 maggio 2021, 10:43

Caso Marconi di Imperia, la replica della preside: "Dalla parlamentare Volpi giudizi avventati e unilaterali"

La preside invita la deputata sanremese a visitare l'istituto "Per prendere contezza della reale situazione"

Caso Marconi di Imperia, la replica della preside: "Dalla parlamentare Volpi giudizi avventati e unilaterali"

Interviene con una dura replica la preside dell'istituto Marconi di Imperia, Daniela Pistorino, che risponde all'interrogazione parlamentare annunciata dalla deputata sanremese del gruppo misto Leda Volpi sulle problematiche relative all'istituto. (QUI)

La preside, che se la prende anche con i giornali che hanno pubblicato la nota stampa della parlamentare, espone le proprie ragioni in merito a quanto accaduto, replicando punto per punto a Leda Volpi.

"Per l’ennesima volta - scrive - mi vedo costretta a puntualizzare che i genitori del Marconi sono circa un migliaio. Dovendo escludere che metà di essi più uno (cinquecentouno) o una folta rappresentanza abbia potuto accedere fisicamente alla vostra redazione e che non mi consta che via siano state assemblee dei genitoriche abbiano eletto rappresentanti, desumo che vengano riportate le critiche di un non meglio definito gruppo di genitori di Imperia, le cui generalità non vengono rese note. Le critiche non provengono né da un comitato né da un’associazione riconosciuta o comunque registrata, ma presumibilmente da un fantomatico (e inesistente) gruppo di genitori creato fittiziamente da una madre di un’alunna del plesso scolastico Marconi, già denunciata per diffamazione  in ragione delle continue analoghe mail denigratorie nei miei confronti indirizzate all’Usr (anche in quella sede alla sttoscrtta non è stata data la possibilità dicontrobattere).

Entrando nel merito delle accuse riportate nell’artcolo, si osserva quanto segue:

1) è assolutamente FALSO che non siano stati disposti i PDP e i PEI, che sono quasi tutti firmati ad eccezione di pochissimi moduli la cui mancata sottoscrizione è dovuta a ritardi dei genitori;

2) l'insufficienza e ridotto numero di ore di lezione si è verificato esclusivamente acausa di una momentanea scopertura di organico che all'inizio dell'anno corrente ha raggiunto la percentuale del 60%. Quando la sottoscritta ha sanato la situazione anche con l'introduzione del giorno lavorativo del sabato il monte ore ha raggiunto livelli ottimali. E' da tenere presente come, in ogni caso, lo scaglione orario di entrata e di uscita nella situazione di emergenza Covid debba anche ricomprendere, ai sensi della numerose direttive regionali e leggi nazionali, i tempi di trasporto per raggiungere la scuola, particolarmente ampi visto che il Marconi ricomprende un ambito territoriale molto più esteso di quello dei licei e delle altre scuole superiori di Imperia e dintorni.

3) parimenti calunniose e infondate sono le accuse relative alla visita della delegazione francese, il cui numero era consentito dalla legge (tre), i cui componenti hanno sempre tenuto lezione distanziati dagli alunni, sono stati controllati con il termo-scanner e hanno beneficiato di pasti a carico dell'Istituto
Scolastico seguendo la prassi legale adottata per le delegazioni esterne in tutti gli Istituti di Italia. Si rammenta che la delegazione aveva il compito istituzionale di illustrare la creazione di un Centro Internazionale di Studi per l'Alternanza scuola lavoro e non era certo in viaggio di piacere. I docenti che componevano la delegazione hanno fatto risparmiare molti soldi all'Erario rinunciando a qualsiasi
compenso per la partecipazione alla conferenza (di norma tali compensi sono compresi tra i 300 e 700 euro). Altrettanto importante per il risparmio dell'erario i termini dell'accordo che consentono ai nostri studenti la partecipazione gratuita a seminari e laboratori e perfino per alcune circostanze ospitalità gratuita presso le strutture ospitanti dell'Ateneo straniero. La circostanza che questo evento debba
costituire oggetto di esposto ai carabinieri dà un'immagine deleteria del nostro paese in Francia

4) riguardo a rilievi sulla rete Internet obsoleta, la scrivente ha attuato tutti gli interventi possibili in breve tempo per renderla funzionale, vagliando solertemente numerosi preventivi e operando i dovuti interventi. Oggi la rete Internet è perfettamente funzionante e adeguata. Il Wi Fi è presente nell'istituto grazie all'iniziativa della scrivente;

5) per quel che riguarda la mancata elezione dei rappresentati degli studenti, essa è dovuta esclusivamente alla non installazione della piattaforma web G/Sweet, che dovrebbe sostituire Cisco e che è indispensabile per garantire la privacy, la segretezza e la trasparenza delle operazioni elettorali. In tal senso sono stati fatti numerosi solleciti dalla scrivente ai referenti informatici della scuola ma senza alcun esito a tutt'oggi;

Spero che la dott.ssa Volpi voglia in futuro documentarsi al fine del corretto svolgimento del suo mandato di parlamentare ed eventualmente visitare la scuola per prendere contezza della reale situazione evitando così il rischio di dare giudizi avventati e unilaterali".

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium