/ Politica

Politica | 29 luglio 2021, 11:52

Giacomo Chiappori è il terzo membro del Cda di Rivieracqua, "Lo faccio volentieri per tutti i problemi che ci sono"

"Questa società ho sempre pensato potesse essere il simbolo della ripresa del nostro ponente ligure, voglio che diventi una società con la S maiuscola perché ha sofferto troppo"

Giacomo Chiappori è il terzo membro del Cda di Rivieracqua, "Lo faccio volentieri per tutti i problemi che ci sono"

Giacomo Chiappori, sindaco di Diano Marina e da quest'oggi anche terzo componente del CDA di Rivieracqua. Prima uscita ufficiale nel corso dell'assemblea dei soci riunitasi stamani presso il Comune di Sanremo. 

Una carica importante soprattutto per il comprensorio dianese che è sempre alle prese con problemi di approvvigionamento idrico "Mi fa piacere pensare che la nomina sia arrivata perchè sono una memoria storica, dalla partenza di Rivieracqua, sofferente nel tempo, al fatto con la nomina del commissario Checchucci le cose si sono raddrizzate. L'ATO Idrico gestita dalla Commissaria nominata dalla Regione ci mette in condizione di sperare bene per il concordato. La nomina mia mi fa piacere. Quando qualcuno ti sceglie per qualcosa vuol dire che conti qualcosa. Per me è un momento a termine. Lo faccio volentieri per tutti i problemi che ci sono e per dare una mano al Commissario anche attraverso Rivieracqua. Questa società ho sempre pensato potesse essere il simbolo della ripresa del nostro ponente ligure, voglio che diventi una società con la S maiuscola perché ha sofferto troppo. Nostro territorio fatto di mare e monti e un sacco di problemi. Avremo un fatturato che si aggirerà intorno ai 40 - 45 milioni di euro e credo che i problemi finiranno". 

Potrebbe essere questa l'assemblea della svolta per Rivieracqua, vista l'acquisizione di Amat e Aiga? "Anche se con qualche paura di qualcuno. Credo che questo terzo membro fornito dal comitato tecnico. Darà una grossa mano ai piccoli comuni. Qualcuno ha avuto paura e ha pensato che non dovessi entrare. Ci sono. Credo in questa società. Forse la partenza avrei voluto vederla diversa la partenza, con un assorbimento di tutte le società che erano nella nostra provincia".  

Adesso arrivano 6 milioni di euro dalla Regione, saranno sufficienti per risolvere i problemi dell'acqua? "Non saranno sufficienti. Il primo pezzo su Diano marina e mi vanto di averlo fatto, il collettamento da Diano a Imperia sul depuratore, è già finito da 2 anni e lo ha realizzato Diano Marina con Rivieracqua. 2.9 milioni arriveranno da Imperia a Cervo e ci sarà poi ultimo completamento con i soldi di Andora già accantonati e un'entrata nostra dei comuni, con una lettera di impegno a restituzione, potremmo pensare veramente di eliminare questo problema che mi ha demoralizzato per 10 anni. A settembre o ottobre potrà partire la gara d'appalto". 

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium