Elezioni comune di Diano Marina

 / Sanità

Sanità | 01 agosto 2021, 09:17

Bocca e prevenzione contro il Covid-19

Il nostro parterre di collaboratori si allarga con la presenza del Dottor Erik Errante, igienista dentale

Bocca e prevenzione contro il Covid-19

Sapevate che la bocca è strettamente correlata a molti distretti del nostro corpo?

Avere una bocca sana, priva di pericolose infezioni, vuol dire assicurarsi una prima linea di importantissime difese contro qualsivoglia schifezza decidesse di avventurarsi nel vostro cavo orale.

Secondo il comunicato stampa della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia per chi soffre di parodontite, la probabilità di decesso per Covid19 è 8.8 volte più alta rispetto a chi ha la bocca sana.                             Inoltre aumenta 4.5 volte il rischio di avere bisogno della ventilazione assistita e 3.5 volte la probabilità di finire ricoverati in terapia intensiva.                               Una recente ricerca intitolata “Association between periodontitis and severity of COVID-19 infection: a case-control study “ svolta  tra febbraio e luglio 2020, mostra che l’infiammazione sistemica cronica indotta dalla parodontite, potrebbe essere uno dei meccanismi alla base dell’aumento del rischio di complicanze da coronavirus, perché potrebbe rendere i pazienti più suscettibili alla tempesta infiammatoria scatenata dal contagio.                                                      Ed ecco come la porta di entrata principale del nostro corpo, si trasforma in un ricettacolo di batteri che, producendo tossine in grado di passare nel sangue, raggiungono tutti gli organi causando problemi:

-      direttamente  insediandosi nei tessuti lontani dalla bocca (molto spesso cuore e polmoni)

-      indirettamente instaurando uno stato persistente di infiammazione sistemica che indebolisce il sistema immunitario.

 

La parodontite non è in realtà una vera e propria “malattia” cosi come  intendiamo questo termine, bensì la reazione del nostro stesso organismo per difendersi da un’infezione batterica che si propaga nei tessuti più profondi della cavità orale.

Quando infatti i batteri riescono a raggiungere le parti più profonde della gengiva (parodonto) e superano la “distanza di sicurezza “ minacciando di contaminare l’osso sottostante, il sostegno dei denti , che a differenza della gengiva non deve assolutamente venire in contatto con batteri patogeni,

il nostro corpo ordina a delle cellule specializzate chiamate osteoclasti di ripristinare questa “distanza di sicurezza”.

Il problema è che queste simpatiche celluline non hanno un bazooka con cui fanno fuori tutti gli infami batteri invasori bensì cominciano a distruggere osso dalle parti più vicine all’infezione sottraendo prezioso sostegno per la stabilità degli elementi dentali.

Più i batteri, protetti da una formazione simile ad un calcolo calcareo scuro che si chiama tartaro, vanno in profondità, più osso verrà distrutto fino all’espulsione spontanea del dente singolo o di tutti quelli infetti poiché ormai privi di sostegno.

La cosa peggiore è che il processo non è reversibile, cioè nessuno vi restituirà mai l’osso perduto, tuttavia se viene ripristinata una situazione in cui le difese immunitarie possono avere la meglio sui batteri patogeni il processo di distruzione ossea si arresta.

No, non basta un dentifricio quando vedi del sangue, così come non basta un collutorio bomba.

E’ già troppo tardi perchè finchè non verrà rimosso il tartaro sopra e sottogengivale ci sarà sempre un continuo serbatoio di produzione batterica che non permetterà alla gengiva di tornare a svolgere la sua funzione di sigillo contro la nuova contaminazione.

Sarà compito del professionista (Odontoiatra o Igienista Dentale), individuare il problema ed effettuare una vera e propria “bonifica” per far pendere l’ago della bilancia a favore del sistema immunitario.

La bocca è normalmente invasa da innumerevoli batteri che compongono la sua Popolazione Microbica Normale (PMN) la quale comprende sia potenziali patogeni che popolazioni di “Batteri buoni”  la cui attività non ci da nessun fastidio anzi, traiamo beneficio dalla loro presenza poiché, essendo tutti i batteri in competizione per le risorse, più saranno presenti loro e meno avranno posto altri potenzialmente più pericolosi.

Dunque non bisogna essere chissà quali maniaci per assicurarsi la salute orale, basta rimuovere quotidianamente ed efficacemente la placca accumulata durante la giornata in modo da facilitare il nostro organismo a occuparsi del resto.                                                                                                         I denti però nascondono anse e superfici difficili da detergere anche per i migliori, dove la placca indurisce diventando tartaro.                                                  Se questo viene regolarmente eliminato prima che possa approfondirsi nella gengiva, non si instaurerà mai la parodontite, nemmeno nei soggetti predisposti, perché senza il fattore causale(tartaro e placca) non può esserci malattia parodontale.                                                                                                           Ecco come una regolare Igiene Dentale Professionale dove la bocca viene periodicamente esaminata in ogni anfratto diventa, quindi, non solo il principale strumento di prevenzione della parodontite, ma di innumerevoli problematiche della bocca e di tutto il nostro corpo, Covid -19 compreso.                                                                               Prendersi cura di se stessi è sempre la miglior medicina possibile.                               La Prevenzione è l’arma più potente e a disposizione di tutti.   

 

                                                               Dott. Erik Errante                                                                                                       

 

Disclaimer:

Tutti gli articoli redatti dal sottoscritto, si avvalgono dei maggiori siti e documenti basati sulle evidenze, ove necessario sarà menzionata la fonte della notizia: essi NON sostituiscono la catena sanitaria di controllo e diagnosi di tutte le figure preposte, come ad esempio i medici. Solo un medico può effettuare la diagnosi ed approntare un piano di cura.

Le fonti possono non essere aggiornate e allo stato dell’arte possono esservi cure, diagnosi e percorsi migliorati rispetto all’articolo.

Immagini, loghi o contenuti sono proprietarie di chi li ha creati, chi è ritratto nelle foto ha dato il suo consenso implicito alla pubblicazione.

Le persone intervistate, parlano a titolo personale, per cui assumono la completa responsabilità dell’enunciato, e dei contenuti.

Il sottoscritto e Sanremonews in questo caso non ne rispondono.

 

L'Infermiere è un professionista sanitario laureato il cui compito è la somministrazione della cura, il controllo dei  sintomi e la  cultura all’ Educazione Sanitaria.

 

                                                                       Roberto Pioppo

 

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium