Elezioni comune di Diano Marina

 / Cronaca

Cronaca | 10 settembre 2021, 07:11

Imperia, processo ai ‘forconi’, ecco le motivazioni della sentenza di primo grado, il giudice: "Hanno bloccato il traffico ferroviario, non passavano da lì per caso"

Cinque le condanne a 1 mese di reclusione. L’avvocato Mario Leone: "Faremo appello. Quando la mia cliente è arrivata il blocco era già in corso"

Imperia, processo ai ‘forconi’, ecco le motivazioni della sentenza di primo grado, il giudice: "Hanno bloccato il traffico ferroviario, non passavano da lì per caso"

Sono state rese note le motivazioni della sentenza di condanna di primo grado comminata dal Tribunale di Imperia a carico di 4 manifestanti imperiesi accusati per blocco ferroviario alla stazione di Oneglia durante le proteste dei cosiddetti 'forconi' nel dicembre del 2013.  

Y.A., C .L., V.P.,  D.S.e G.B. immortalati dalle foto e dai video camere delle Forze dell’ordine sono stati condannati per interruzione di pubblico servizio e blocco di strada ferrata dal giudice monocratico Antonio Romano alla pena di 1 mese di reclusione, oltre al pagamento delle spese processuali. 

Secondo le motivazioni addotte dal giudice “la presenza dei manifestanti presso i binari della stazione ferroviaria ha impedito per alcune ore il regolare svolgimento del servizio ferroviario. Le immagini prodotte mostrano gli imputati seduti oppure fermi in mezzo ai binari, quindi in atteggiamenti ovviamente non compatibili con quelli tenuti da chi era passato in quella zona, solo per dare a quanto stava accadendo”.

Di diverso avviso l’avvocato Mario Leone che tutela uno degli imputati: “Presenteremo appello anche se il reato è destinato ad andare in prescrizione visto che si tratta di fatti del 2013, perché quando la mia assistita è arrivata in stazione il blocco era già in corso”

Diego David

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium