/ Attualità

Attualità | 04 novembre 2021, 13:19

Imperia, bando 'S.O.S. Famiglie', il Comune approva 223 domande e ne esclude 182: quasi la metà dei richiedenti ha già il reddito di cittadinanza

In tutto sono state 405 le istanze pervenute all'ente. Verranno erogati 250 mila euro di contribuiti per il sostegno alimentare, il pagamento degli affitti e delle utenze domestiche

Imperia, bando 'S.O.S. Famiglie', il Comune approva 223 domande e ne esclude 182: quasi la metà dei richiedenti ha già il reddito di cittadinanza

Sono state 405 le domande pervenute al Comune di Imperia per accedere ai contributi economici finalizzati al sostegno di nuclei familiari in difficoltà, anche a seguito della pandemia da Covid-19, erogati tramite il bando 'S.O.S. Famiglie'

In tutto l’ente ha stanziato 250 mila euro per tre linee di intervento, non cumulabili tra loro, riguardanti le misure urgenti di solidarietà alimentare, il sostegno alla locazione e al pagamento delle utenze domestiche in modo da intercettare il reale fabbisogno espresso dai cittadini. Si poteva fare richiesta dal 1 settembre al 15 ottobre e adesso il Comune, all’esito dell’istruttoria, evidenzia che sono state accolte 223 istanze mentre ne sono state escluse 182 in quanto mancanti di uno o più requisiti previsti dal bando e-o non conformi in base a quanto previsto dal bando.

I motivi per cui alcune domande sono state respinte sono tanti e vari. Alcuni hanno compilato in modo non corretto la modulistica mentre in 89 sono già beneficiari di reddito di cittadinanza e quindi non potevano partecipare. Il 48,9% quindi delle domande è stato respinto in quanto i richiedenti usufruiscono già di questo tipo di sussidio. 

22 istanze non sono state accolte in quanto hanno un Isee superiore a 8 mila e 500 euro e in 6 hanno già il bonus sociale. Tutti i cittadini che per questi motivi si sono visti respingere le proprie istanze non potranno avanzare ricorso.

Il pagamento della prima tranche del contributo sarà liquidata entro il 31 dicembre, ma comunque occorre che rimanga il requisito di non essere titolare di reddito o pensione di cittadinanza nel 2021. Per chi ha ottenuto il contributo minimo di 500 euro lo stesso verrà erogato entro il 31 dicembre, chi ha ottenuto l’importo da 501 a mille euro avrà la prima rata entro il 31 dicembre e la seconda entro il 28 dicembre

I contributi da 1.000,01 euro a mille 500 verranno liquidati con la prima rata entro il 31 dicembre, la seconda entro il 28 febbraio e la terza entro il 30 aprile. Infine, per gli importi superiori i mille e 500 euro e fino a 2 mila euro la prima entro il 31, dicembre, la seconda entro il 28 febbraio, la terza entro il 30 aprile e la quarta entro il 30 giugno.

Angela Panzera

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium