/ Attualità

Attualità | 19 novembre 2021, 10:42

A Imperia il primo G20 dei giovani, idee per la città del futuro, Scajola: "Dalle loro proposte elaboreremo le schede per l'uso dei fondi europei" (foto e video)

A Villa Faravelli il primo cittadino a confronto con tanti ragazzi e professionisti per discutere su diverse tematiche: dalla lotta al degrado, alla valorizzazione dell'entroterra passando per la cultura e la gestione delle risorse idriche

A Imperia il primo G20 dei giovani, idee per la città del futuro, Scajola: "Dalle loro proposte elaboreremo le schede per l'uso dei fondi europei" (foto e video)

Il sindaco di Imperia Claudio Scajola oggi a confronto con i giovani della città per sentire proposte e idee da realizzare nel prossimo futuro. E si chiama infatti, 'Il tavolo del futuro' l'iniziativa organizzata oggi a Villa Faravelli. Un 'G20' dei giovani imperiesi che hanno modo quindi di sottoporre al primo cittadino le loro proposte che al termine verranno inserite dall'Amministrazione comunale nella programmazione del fondi europei 2021-2027.

"Un modo curioso, ha evidenziato Scajola, costruito dai miei ottimi collaboratori - in primis da Santo Scarfone- che fa in modo di avvicinare i giovani al loro futuro e non essere solo spettatori, ma partecipando. Può essere anche un esempio per altri per cogliere il concetto che si possono coinvolgere i giovani facendogli proporre qualcosa. Si tratta di un’iniziativa che permetterà ad ognuno di loro di preparare una scheda di proposte per l’uso dei fondi europei del PNRR che inoltreremo come istanze della nostra di città".

"Ascolteremo quello che diranno loro nei diversi giri di tavolo, evidenzia il sindaco, ma mi piace sottolineare che la scelta è stata realizzata in modo che partecipassero tutte le categorie dei giovani. C’è l’operaio, il giovane medico, l’infermiere, chi va per mare quindi tutte le diverse categorie che animano la città senza gli 'steccati' che ci sono fra chi ha un titolo di studio e chi non ce l’ha, ma solo avendo l’obbiettivo di 'chi ha da dire qualcosa'".  

Il primo a prendere la parola durante il confronto è Massimiliano Pirrello, fiscalista Cia, il quale ha evidenziato che "siamo qua per provare a dare soluzioni e nuovi progetti sia per l’agricoltura, ma anche per creare un valore aggiunto sul nostro territorio. Creare nuovi redditi e funzionalità ad un territorio bellissimo come il nostro. Grandissima soddisfazione e piacere per essere stato chiamato dal Comune di Imperia, ha aggiunto, per questo incontro. Serve una migliore gestione dell’acqua per aumentarne d’estate la disponibilità e contenerla d’inverno. Per quanto riguarda lo sviluppo del nostro territorio invece, occorre la creazione di percorsi ad hoc, come trekking e bike, per far riscoprire il nostro entroterra". 

"La mia idea della città del futuro è quella, ha dichiarato al nostro giornale il commissario capo della Polizia di Stato Maria Livia Zuppa, di una città che si costruisca ed evolva in sicurezza e ritengo quindi che sia necessario creare una forma di sicurezza partecipata. Non solo intesa come repressione dei reati, ma che garantisca la partecipazione di tutti i cittadini , degli enti e delle Istituzioni alle creazioni di un nuovo futuro. Ciò implica in parallelo anche lo sviluppo in parallelo della sicurezza urbana ossia la tutela della città eliminando il degrado e sviluppando nuove forme di partecipazione attraverso due cammini. In primo luogo creando forme di sviluppo tramite corsi di formazione e ciò permetterebbe anche di creare delle forme di professionalità nuove in questo ambito. In secondo luogo, i cittadini potrebbero partecipare a questa forma sicurezza attraverso l’uso di app. Ad esempio in Polizia usiamo l’app 'Youpol' per segnalare i reati e quindi in ambito urbano si potrebbe usare un’ app per segnalare i fenomeni di degrado e gestione in generale della città".

Punta sulla cultura invece, la giovane Lucia Macchiavelli, laureata in scienze turistiche. "Occorre un approccio valorizzante della cultura intesa, ha specificato, non solo come musei ed opere d’arte, ma anche tradizioni e vocazioni territoriali. La nostra provincia è ricca di tutti questi aspetti e un approccio strategico in questo senso potrebbe dare un grande un sviluppo non solo economico, ma anche sociale alla nostra città. È fondamentale per noi giovani essere coinvolti in queste iniziative perché molti di noi vogliono poter vivere in questa città contribuendo a un suo sviluppo". 

Diego David

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium