/ Attualità

Attualità | 13 gennaio 2022, 14:54

Con la Legge di Bilancio chi sarà senza 'Green Pass' dovrà dire addio al reddito di cittadinanza

La Legge di Bilancio rende obbligatorio il rinnovo periodico presso i Centri per l’Impiego. Ma senza certificato dal 1° febbraio non sarà possibile entrarci

Con la Legge di Bilancio chi sarà senza 'Green Pass' dovrà dire addio al reddito di cittadinanza

Toccheranno anche il sussidio che il primo Governo Conte introdusse a favore di 1,3 milioni di nuclei familiari (3 milioni di italiani) le restrizioni imposte dall’esecutivo Draghi in tema di contenimento del contagio.

A intervenire sul mantenimento dell’aiuto erogato dall’Inps, il combinato disposto delle norme previste nella Legge di Bilancio 2022 – che impone ai suoi percettori di recarsi periodicamente nei Centri per l’Impiego per la conferma dell’assegno, pena la sua immediata sospensione – e di quelle contenute nel decreto dello scorso 7 gennaio, che richiede di esibire il certificato verde nella sua versione "light" (quella che si ottiene anche sottoponendosi a tampone) per poter accedere a una serie di servizi quali, appunto, quelli offerti dagli ex uffici di collocamento.

Il nuovo limite entrerà in vigore dal 1° febbraio, data a partire dalla quale servirà il "pass" anche per accedere a servizi bancari, postali e commerciali, oltre che per un articolato novero di uffici pubblici.

Eccezioni sono in queste ore sono allo studio del Governo, che in proposito si prepara a varare un nuovo Dpcm, non senza divisioni. Tra le esclusioni che secondo le prime indiscrezioni verranno introdotte, oltre a quelle riguardanti ospedali, farmacie, ambulatori medici, studi di veterinari e supermercati per la spesa alimentare, le esigenze correlate a giustizia e pubblica sicurezza.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium