/ Attualità

Attualità | 14 gennaio 2022, 13:02

Coronavirus: non cambierà il conteggio dei positivi, Toti "Smentita dal Ministro la possibilità"

“Noi andremo avanti con la nostra proposta per cambiare il conteggio dei dati, che speriamo possa presto diventare realtà senza ulteriori indugi”.

Coronavirus: non cambierà il conteggio dei positivi, Toti "Smentita dal Ministro la possibilità"

“E’ stata smentita dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, la nuova circolare del ministero della Salute, che toglie i pazienti ricoverati in ospedale per cause diverse dal Covid che risultino positivi ai test per il virus Sars-Cov-2 ma asintomatici, dal conteggio tra i ricoveri dell'Area Medica Covid”.

Lo ha detto il Presidente della Regione Giovanni Toti, in relazione alla possibilità che, nei prossimi giorni potesse cambiare il modo del conteggio dei positivi. “Noi andremo avanti – termina Toti - con la nostra proposta per cambiare il conteggio dei dati, che speriamo possa presto diventare realtà senza ulteriori indugi”.

Negli ultimi giorni, infatti, a molti sarà balzato all’occhio il deciso aumento dei numeri relativi ai positivi da Covid-19. Un rialzo su percentuali importanti, che è stato giustificato con l’inserimento dei contagiati, che arrivano dai tamponi antigenici rapidi.  

A livello nazionale sembrava che ci si avviasse a un cambio del conteggio dei ricoveri Covid. Le Regioni, infatti, avevano chiesto al Ministero della Salute di escludere i pazienti ricoverati per cause diverse ma positivi al Covid dall'elenco dei ricoveri e quindi dal relativo calcolo dell'occupazione dei posti letto in area medica.

Sembrava che, dal primo febbraio, il bollettino avrebbe contenuto un nuovo campo, quello dei ‘pazienti Covid ricoverati per cause diverse’. Le parole del Governatore, invece, fanno fare marcia indietro. Intanto sono molti gli imperiesi che sono bloccati a casa dalla positività, ma che fortunatamente stanno bene o hanno solo limitatissimi sintomi influenzali. L’elevato numero di positivi sta anche generando problemi al sistema dei tamponi che, ovviamente, è preso d’assalto anche se per ora i cosiddetti ‘drive through’ nei tre distretti non stanno subendo gravi ritardi.

Dopo i timori delle ultime settimane del 2021, per una eventuale e ulteriore recrudescenza dei casi, ora sembra che da alcuni giorni la situazione sia meno grave e che negli ospedali i ricoveri siano stazionari. I numeri dei positivi, però, rimarrà elevato anche se come più volte sostenuto dai medici quello che più conta in chiave Covid è che gli ospedali non siano eccessivamente sotto pressione.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium