/ Economia

Economia | 17 gennaio 2022, 19:00

Pasta e non solo, l’altitudine è piena di sapori: quali sono i piatti tipici delle montagne italiane

Dalle fondute ai pizzoccheri, non mancano i piatti, le ricette e i vini da gustare ad alta quota, presso le varie località montane della Penisola: scopriamoli insieme in questo articolo!

Pasta e non solo, l’altitudine è piena di sapori: quali sono i piatti tipici delle montagne italiane

L’Italia non è solo mare, ma anche tantissima montagna. Non a caso, parliamo di una delle mete più apprezzate dai cittadini della Penisola e non solo, dato che ogni anno molti stranieri scelgono le montagne tricolori come luogo per “consumare” le proprie vacanze. Ma le montagne non garantiscono soltanto una totale immersione nella natura, circondati dall’aria pura, ma anche una vera e propria festa per il palato. Vediamo quindi di scoprire quali sono i sapori tipici delle montagne italiane.

I piatti tipici provenienti dalle montagne italiane

Dalle fondute ai pizzoccheri, non mancano i piatti e le ricette da gustarsi ad alta quota, presso le varie località montane della Penisola. La lista è molto lunga, e include ad esempio i canazei, lo stinco di maiale arrostito, gli spiedi con polenta, i casoncelli, gli gnocchi della Val d’Ossola e la crema di fave di Ozein. Si tratta di una lista di piatti adatti alle temperature più rigide per il loro apporto calorico, che andrebbero senz’altro accompagnati da una bottiglia di vino corposa.

Alcune di queste è possibile trovarle anche online, da far arrivare a casa propria dalle migliori cantine per affiancare i piatti montanari più importanti. Ad esempio, una soluzione potrebbe essere il Montepulciano su Tannico, un rosso corposo dal retrogusto ai frutti di bosco, perfetto da abbinare ai cibi grassi e calorici che tipicamente si consumano ad alta quota. Se si volesse proseguire con la lista, non si potrebbe continuare non citando altre ricette tipiche delle montagne italiane, come nel caso della pecora al cotturo, della pasta al forno e dei maccheroni al ferretto. In altre parole, non mancano le occasioni per ritemprarsi con dei piatti davvero gustosi e speciali.

Un approfondimento sui piatti di pasta montanari

La pasta è una tradizione che di fatto incarna la storia culinaria della Penisola, e che ovviamente abbraccia anche la cultura gastronomica di moltissime località di montagna. Alcuni esempi li abbiamo già visti poco sopra, ma ce ne sono altri che meritano una menzione. Si fa ad esempio riferimento ai famosissimi canederli, noti anche come knodel, e lo stesso discorso vale per i rufioi e i grumi di grano saraceno. Impossibile poi non nominare la pasta realizzata al torchio, rigorosamente con le trafile in bronzo, come nel caso degli schnalser-nudelm.

Per quel che riguarda i condimenti, è chiaro che ad alta quota regna incontrastata la selvaggina, ma non mancano opzioni alternative come i formaggi (compresi quelli erborinati), i legumi e addirittura la frutta. Alcune tipologie di pasta, come nel caso dei già citati schnalser-nudelm, vengono utilizzate pure per realizzare delle ricette dolci, in questo caso a base di marmellata di mirtilli. Si chiude con altre paste molto particolari, prodotte come sempre in montagna, come i turtres e gli spatzle, spesso conditi con speck, burro e formaggio.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium