/ Al Direttore

Al Direttore | 16 maggio 2022, 11:43

La provocazione di Marco Damele: “Meno cemento e più erbacce, promuoviamo la Liguria valorizzando le erbe spontanee”

“Cosa sanno oggi i nostri amministratori, i nostri politici delle erbe spontanee presenti sul territorio?”

La provocazione di Marco Damele: “Meno cemento e più erbacce, promuoviamo la Liguria valorizzando le erbe spontanee”

“Meno cemento e più erbacce. Promuoviamo la Liguria valorizzando le erbe spontanee”. 
Parlare della Liguria, pensare di valorizzare realmente un territorio significa scoprire e ricordarci che un'infinità di erbe selvatiche dei nostri prati sono un toccasana per la salute e rappresentano la nostra memoria storica e culturale. In futuro auguriamoci  meno cemento e piu' oasi verdi; in ogni città si dedichino spazi riservati alla crescita delle erbe spontanee, come museo naturale all'aria aperta, di conoscenza e promozione botanica. La tradizione rurale contadina  da sempre  ci aiuta a comprendere che cibarsi di piante selvatiche è utile e salutare, che contengono più minerali e più vitamine che le insalate coltivate ma oggi questi insegnamenti non vengono presi più in considerazione. Cosa sanno oggi i nostri amministratori, i nostri politici delle erbe spontanee presenti sul territorio? Cosa sanno oggi i giovani agricoltori, imprenditori agricoli del ruolo fondamentale di queste piante sulla fertilità dei nostri terreni? Ecco dunque l'invito a riappropriarci della cultura delle erbe, della curiosità della conoscenza, di ritornare recarci nei prati, quei pochi ancora risparmiati da diserbanti ed antiparassitari, alla ricerca delle nostre alleate "erbacce". Ritorniamo a riconoscere e promuovere l'acetosella, erba dal sapore acidulo e gradevole: mangiata in insalata, mescolata con altre verdure è piacevolissima. La maggiorana, erba tradizionale ligure,  può essere anche essiccata e conserva per lunghissimo tempo il suo aroma, utilizzata da sempre nella nostra cucina. per non parlare dell'ortica, ricchissima di sali minerali, proteine e ferro. E' ora il tempo di raccogliere le foglie ancora tenere, ottima in frittata o cotta con la cipolla, magari egiziana. La borragine, anche lei un'erba che rappresenta la Liguria, si trova in tutti i terreni incolti, indispensabile per la torta pasqualina è ottima nel ripieno di ravioli. Ed ancora la malva, buona e salutare. Ottima in cucina, cotta con gli spinaci e le uova sbattute, salutare come decotto rinfrescante, come calmante della tosse e nei casi di infiammazione dell'apparato digerente.L'elenco sarebbe infinito , basta iniziare a diventare nuovamente curiosi della vita; la natura non fa nulla per caso; per lo meno non fa quasi mai le cose senza una buona ragione e le “erbacce” possono rappresentare una grande fonte di insegnamento. 

Marco Damele, scrittore, imprenditore botanico e tecnico biologico  di Camporosso in provincia di Imperia, è protagonista da oltre vent'anni nel mondo della floricoltura del ponente ligure. Dai premi nazionali e internazionali ricevuti per la sua coltivazione di verde ornamentale, dopo un arricchimento professionale alla guida dei giovani agricoltori, ha orientato l'attività dell'azienda sulla ricerca e coltivazione delle antiche varietà orticole, di cui per via della moda, dei gusti e della richiesta di mercato si erano letteralmente perse le tracce. In particolare ha studiato e reintrodotto la cipolla egiziana ligure (Allium cepa viviparum), diventata in poco tempo preziosa ed autentica testimone della biodiversità del Ponente ligure.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium