/ Cronaca

Cronaca | 06 luglio 2022, 07:21

Evasione, rapina e sequestro di persona nei confronti dell’ex fidanzata: condannato a 6 anni e 10 mesi Davide Bianchi

L’uomo era entrato in casa con la forza minacciando di morte la donna se non fosse tornata nel Lazio con lui, puntandole un coltellino cutter alla gola

Evasione, rapina e sequestro di persona nei confronti dell’ex fidanzata: condannato a 6 anni e 10 mesi Davide Bianchi

Nonostante si trovasse agli arresti domiciliari a casa sua a Frosinone era evaso e aveva raggiunto al suo domicilio a Ventimiglia l’ex fidanzata, una 39enne rumena armato di un taglierino.

Ieri mattina, Davide Bianchi, 37 anni, difeso dall’avvocato Simone Galluccio del foro di Frosinone, è stato condannato a 6 anni e 10 mesi e al pagamento di 2.800 euro di multa collegio presieduto dal giudice Carlo Indellicati per i reati di evasionesequestro di persona e rapina, essendosi impossessato di due telefoni cellulari della vittima.

Il pm Veronica Meglio aveva chiesto la condanna a 4 anni e 2 mesi. Secondo la denuncia della donna che si è costituita parte civile rappresentata dall’avvocato Mario Ventimiglia, l’uomo era entrato in casa con la forza e l’aveva sequestrata per diverse ore minacciandola di morte se non fosse tornata nel Lazio con lui, puntandole un coltellino cutter alla gola.

"Mi sono salvata -aveva testimoniato in aula la donna protetta da un paravento -   solo perché Bianchi, dopo aver assunto una pastiglia si è addormentato, permettendomi di uscire dalla casa e dare l’allarme”.  L’uomo, tra l’altro, si era difeso dicendo che voleva fare una sorpresa aIla sua ex.

In amore - ha detto l’avvocato Ventimigliaci può stare il gesto estremo, ma non ci si presenta con un taglierino, al limite con mazzo di fiori”.

I fatti si sono svolti a fine settembre dello scorso anno. L’uomo era finito agli arresti domiciliari nella sua città, dopo che, qualche settimana prima, aveva raggiunto l’ex fidanzata sul luogo di lavoro, a Mentone, minacciandola di morte se non fosse tornata con lui.

I due avevano avuto una breve relazione tra giugno a luglio. Non rassegnandosi alla fine del rapporto, infatti, Davide Bianchi aveva cominciato a perseguitare la ragazza, che aveva sporto due denunce, la seconda dopo l’aggressione avvenuta in Francia.

Per questi fatti,  il giudice monocratico di Imperia lo aveva condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione.

Diego David

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium