/ Politica

Politica | 14 agosto 2022, 09:40

Sanzioni alla Riviera Trasporti: i sindacati "Presidente Scajola, se siamo in queste condizioni ci sono dei responsabili, vengano puniti!"

“Alla RT mancano ‘uomini e mezzi’ e, quei pochi che sono in forza ad oggi, stanno sostenendo un peso enorme per garantire la continuità della ‘loro’ azienda".

Sanzioni alla Riviera Trasporti: i sindacati "Presidente Scajola, se siamo in queste condizioni ci sono dei responsabili, vengano puniti!"

“Presidente Scajola, anche noi come lavoratori sono anni che chiediamo il rispetto delle nostre vite e delle nostre famiglie ma invano. Sono anni che nonostante tutto e tutti lavoriamo in condizioni a volte penose e che viviamo giornalmente i problemi di Riviera Trasporti, problemi che le ricordo non abbiamo creato noi e che ci inseguono tutti i giorni”.

Sono le parole del coordinatore del sindacato Usb, Alessandro Capitini, in relazione alle sanzioni (QUI) della Provincia alla Riviera Trasporti: “I suoi predecessori – prosegue nella risposta al Presidente Scajola - durante le riunioni negli uffici della provincia dicevano di avere piena fiducia in quello che faceva chi gestiva questa società... e adesso? Noi non possiamo dimenticare e, se siamo in queste condizioni, bisogna trovare i responsabili e punirli! Sarebbe giusto multare la RT se le cose fossero andate sempre bene ma non è così. Ci toglie delle risorse e non da giustizia a questa situazione. Noi in primis attendiamo delle risposte e vorremo continuare a dare il giusto servizio e lavorare più sereni”.

Ma la protesta monta anche dai sindacati Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uil Trasporti, Faisa Cisal e Ugl. Congiuntamente confermano l’incredulità dei lavoratori aderenti alle confederazioni: “Quando si pensava di aver visto il fondo con l’attivazione del concordato fallimentare – dicono i sindacati - non eravamo pronti all’ennesimo tentativo della politica di scaricare le proprie responsabilità sui lavoratori e sull’utenza RT. Sanzionare il vettore che non fornisce un servizio adeguato è sacrosanto e a norma di legge ma, non in questa provincia dove ci si dimentica di quello che ha portato a questa situazione. Quello che sta accadendo ora è stato denunciato più volte dal sindacato in tutte le sedi istituzionali”.

“Alla Riviera Trasporti – proseguono i sindacati - mancano ‘uomini e mezzi’ e, quei pochi che sono in forza ad oggi, stanno sostenendo un peso enorme per garantire la continuità della ‘loro’ azienda. La ‘loro’ lo diciamo a voce alta, perché se RT è ancora in piedi è dovuto sicuramente ai sacrifici e le rinunce del suo personale, non di sicuro alle scelte poco lungimiranti di chi ne deteneva il potere decisionale e i cordoni della borsa. Atti ufficiali della Provincia hanno vietato a RT ogni ordine di assunzioni in barba al criterio di rotazione scaturito dal turn-over. Ad oggi si contano almeno 30 conducenti in meno del fabbisogno necessario. Progetti insostenibili e finiti in modo fallimentare (idrogeno) e bandi non aggiudicati (filovia di Sanremo) sono da imputare fuori dalle mura aziendale e hanno prodotto il mancato ricambio del parco mezzi”.

“Il disimpegno della Provincia ad integrare con quasi due milioni di euro il contratto di servizio e susseguente mancata realizzazione di un piano di esercizio che coinvolgesse tutti i comuni – proseguono - come tra l’altro già attuato nella vicina Savona, hanno costretto RT ad esercire il servizio sottocosto con evidente sbilancio per le già asfittiche casse. Pertanto se la sanzione serve a dare una risposta ai cittadini inferociti come atto dovuto – terminano le confederazioni - ben altro dovrà essere fatto per risanare l’azienda a partire dalla ricapitalizzazione e dall’affidamento in house, con una durata lunga che consenta anche a chi in questo momento non partecipa alle selezioni di poter vedere in Rt un posto sicuro”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium