/ Politica

In Breve

lunedì 03 ottobre
domenica 02 ottobre
sabato 01 ottobre
venerdì 30 settembre

Politica | 23 settembre 2022, 09:48

Pieve di Teco: ex Caserma Manfredi, Asilo Nido, Casa di Comunità, l'opposizione "Il Sindaco con le idee confuse"

"Il Sindaco Alessandri ha dimostrato ancora una volta di avere le idee molto confuse".

Pieve di Teco: ex Caserma Manfredi, Asilo Nido, Casa di Comunità, l'opposizione "Il Sindaco con le idee confuse"

“Prima vengono ultimati i lavori del nuovo asilo nido nella ex caserma Manfredi, essendo quello vecchio, ubicato in via Eula, non più adeguato ai tempi, con spazi molto stretti, per soli 12 bambini. Di recente, per la nuova collocazione, vengono pure acquistati, con una ingente somma, gli elettrodomestici, i nuovi arredi e tutto ciò che serve all’uopo. Ora si cambia rotta sostenendo che il nuovo asilo non serve più, decidendo di dare questi locali, gratuitamente, all’ASL per collocarvi ambulatori e studi medici, chiamati ‘Casa di Comunità’. Dire che noi siamo contro questo progetto, come leggiamo sul comunicato del Sindaco, è assolutamente falso. I dubbi sulla bontà del progetto semmai sono stati espressi da alcuni della maggioranza, visti i precedenti della chiusura della dialisi e di alcuni ambulatori”.

Interviene in questo modo l’opposizione consiliare di Pieve di Teco, che prosegue: “Nel consiglio comunale di mercoledì 21 scorso, noi consiglieri di minoranza (Renzo Brunengo, Alessandro Belmonti e Camilla Molinari) abbiamo evidenziato che siamo pienamente favorevoli a concedere all’ASL locali per ampliare l’offerta sanitaria, ma riteniamo insensato concedere proprio quelli del nuovo asilo, dove il Comune ha speso ingenti somme per ultimarlo e arredarlo. Abbiamo suggerito diverse soluzioni così da non dover rinunciare a nulla e non sprecare soldi. Nella ex caserma ci sono ampi spazi, quasi tutti inutilizzati. Dai sei appartamentini ristrutturati negli anni del 1980, al piano ammezzato, ai locali del piano terra, solo parzialmente occupati dalle maschere di Ubaga, a quelli dove era collocata la scuola di Ragioneria ora chiusa. Le soluzioni per riorganizzare e soddisfare pienamente tutte le esigenze ci sono. Inoltre l’ultimo piano del palazzo Borelli, dotato di ascensore, è da tempo inutilizzato. Alle nostre proposte per tutta risposta abbiamo ricevuto solo attacchi arroganti e boriosi dal Sindaco, dicendoci che non accetta da noi lezioni. Infatti le nostre non sono lezioni al Sindaco, che non ci interessano, bensì proposte concrete nell’interesse della comunità. Noi ribadiamo con convinzione che la sua scelta, oltre ad essere sbagliata, ha ipotecato il futuro”.

“La politica nazionale e regionale – terminano i consiglieri di opposizione - spinge con cospicui finanziamenti per le scuole per l’infanzia e gli asili. Con questa miope visione con quale possibilità di successo, in futuro, il Comune potrà chiedere sostegni? Se ora chiude la porta? Spiace dirlo ma quelli del Sindaco, avallati superficialmente dalla maggioranza, non sono gli interessi di Pieve e della Valle. Sarà il tempo, purtroppo, a dire chi ha ragione”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium