/ Economia

Economia | 03 ottobre 2022, 13:39

Elezioni e stampa on line dimenticata. Il grido di dolore dell'AEDI

In questi giorni siamo bombardati dai media nazionali di notizie relative ai candidati ed alle loro proposte elettorali

Elezioni e stampa on line dimenticata. Il grido di dolore dell'AEDI

In questi giorni siamo bombardati dai media nazionali di notizie relative ai candidati ed alle loro proposte elettorali, alle promesse ed ai ragionamenti fatti per accaparrarsi il voto dei cittadini. I media sono sfruttati nello loro varie forme, dalla carta stampata alle tv, dai giornali on line, ai vari influencer. Anche le associazioni di categoria si sono accorte di questo che noi di AEDI andiamo a dire da tempo.

In tutto questo grande mare di proposte e di idee non abbiamo sentito politici e candidati, salvo rari casi, parlare di proposte circa il sostegno dei giornali online di cui noi di AEDI siamo uno degli interlocutori. AEDI (l'Associazione Editori Digitali Italiani) chiede più attenzione per il lavoro e la professionalità che esprimiamo. La bontà e la genuinità dell'informazione sono uno dei primi strumenti di una democrazia per condurre i cittadini informati al voto. Ora non abbiamo sentito le parti politiche in corsa per le elezioni fare proposte operative e concrete che riguardino l'editoria, ed in particolare quella digitale. Eppure l'editoria on line c'è e rappresentiamo una struttura portante dell'informazione in generale. I dati vedono i giornali online, ed in particolare i piccoli editori locali, in fortissimo aumento; i dati dimostrano che noi forniamo le informazioni in modo più tempestivo e di solito meno legate al potere centrale. Noi chiediamo più attenzione per il nostro settore e vorremmo che i politici affrontasse i nostri problemi e discutessero con questo mondo digitale responsabilizzato, che ha fior di professionisti e non di improvvisati scribacchini, che collaborano. Che forse i piccoli editori che hanno piccole redazioni e molti collaboratori non sono meritevoli di attenzioni? Abbiamo giornalisti e norme che ci regolano come stampa a differenza dell'irresponsabilità che regna spesso in internet. Noi crediamo ci siano varie ragioni per sostenere questo tipo di editoria che in gran parte vivono con immensi sacrifici, con le loro solo forze economiche e finanziarie.

Abbiamo alcune rivendicazioni da sostenere, tra queste: Test per la qualità dell'informazione prodotta, netta distinzione tra giornali e altri blog e network; sostegno finanziario per i temi di approfondimento pubblicati; riordino dei ruoli e conflitti tra giornali e agenzie pubblicitarie; attività formativa, ecc.

Sono temi che valgono la vita stessa dell'informazione online e che sul sito www.aedi.online noi sindacato datoriale, in parte, rappresentiamo .

Recentemente, di questa noncuranza delle forze politiche, se ne sono accorti anche altri. L'Ordine dei giornalisti ha organizzato con altre istituzioni rappresentative dell'editoria una conferenza stampa per sollecitare il governo e le forze politiche ad affrontare il tema in generale. Verrebbe da dire: se non ora, quando?

Il Presidente di AEDI Prof. Maurizio Zumerle

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium