/ Cronaca

Cronaca | 19 novembre 2022, 13:10

Castelvittorio: inchiesta sull'appalto 'truccato', il Sindaco "L'amministrazione è estranea, siamo a disposizione degli inquirenti"

Quattro sono gli indagati del nuovo filone d’inchiesta. Si tratta dei fratelli Vincenzo e Gaetano Speranza per la Edilcantieri Costruzioni Srl l'impresa che si era aggiudicata l'opera, l'imprenditore imperiese Enzo Macrì della Edilmac Costruzioni (una delle ditte che partecipò).

Castelvittorio: inchiesta sull'appalto 'truccato', il Sindaco "L'amministrazione è estranea, siamo a disposizione degli inquirenti"

E’ stato discusso ieri, nel corso del Consiglio comunale, il caso del comune di Castelvittorio, finito nel mirino delle indagini della Procura per i lavori di ristrutturazione dell'area manifestazioni del paese.

Quattro sono gli indagati del nuovo filone d’inchiesta. Si tratta dei fratelli Vincenzo e Gaetano Speranza per la Edilcantieri Costruzioni Srl l'impresa che si era aggiudicata l'opera, l'imprenditore imperiese Enzo Macrì della Edilmac Costruzioni (una delle ditte che partecipò). I dettagli erano emersi dall’avviso di conclusioni indagini notificato nei giorni agli indagati su ordine del pm Antonella Politi che si occupa di questo filone di indagine che ha travolto il piccolo comune dell’entroterra Imperiese.

L’inchiesta è una ‘costola’ di quella che nel maggio scorso ha visto finire il titolare della Edilcantieri, prima in carcere e poi ai domiciliari, per corruzione, insieme all'ex sindaco di Aurigo ed ex consigliere provinciale Luigino Dellerba per il quale il Gip ha ritenuto poi di revocare anche la misura dei domiciliari, per un presunto giro di mazzette.

Nel corso dell’assise di ieri è intervenuto il gruppo consiliare che ha chiesto all’Amministrazione di parlare del caso nel corso dell’Assise. In particolare il Sudi che ha apertto il suo intervento in questo modo: “Mi vergogno perché siamo finiti in televisione e sui giornali per la vicenda. E poi come può una persona come il geom. Rosa a decidere da solo le ditte, l’ampiezza del progetto e tutte quelle cose? Il progetto è stato visionato? Avete controllato questa persona?”

Al Consigliere Sudi ha risposto il presidente del consiglio, Antonio Federico: “L’Amministrazione ha saputo quanto accaduto dai giornali ma è estranea. Ci siamo subito messi a disposizione delle autorità e siamo disponibili a ottenere dei chiarimenti dalle autorità competenti. Circa le domande sul geometra, nella parte tecnica non possiamo entrare nel merito, ma la procedura è stata seguita ai sensi di legge, seguendo il MEPA. Verificherà l’autorità giudiziaria se ci sono state violazioni. Non possiamo dare delle spiegazioni”.

E’ poi intervenuto il Sindaco, Gian Stefano Oddera: “Il geometra non fa quello che vuole – ha detto – e l’Amministrazione ha ottenuto il contributo regionale, presentato un progetto che è stato ritenuto meritevole dalla Regione Liguria e ha ottenuto tutte le autorizzazioni, anche dai beni paesaggistici. Noi non sappiamo niente della gara”.

Ha poi terminato il Presidente del Consiglio; “Non abbiamo nulla da nascondere. Per noi i carabinieri possono venire tutti i giorni in comune a controllarci. Forse Sudi, se fosse stato in amministrazione, avrebbe preferito un’opera gigantesca”.

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium