/ Cronaca

Cronaca | 21 novembre 2022, 07:25

Taggia: incendio alla Marr dei giorni scorsi, potrebbe esserci la mano dell'area anarchica. Le indagini a Rimini

La ditta, infatti è stata colpita non solo allo stabilimento di Taggia, dove sono stati trovati ben tre inneschi confermando l’origine dolosa del rogo, ma anche in provincia di Bologna.

Taggia: incendio alla Marr dei giorni scorsi, potrebbe esserci la mano dell'area anarchica. Le indagini a Rimini

Potrebbe esserci l’area anarchica dell’Emilia Romagna dietro l’attentato alla Marr di Taggia. La conferma arriva dalla zona dove sorge l’azienda riminese specializzata nella distribuzione di prodotti alimentari anche se dall’azienda viene parzialmente escluso.

La ditta, infatti è stata colpita non solo allo stabilimento di Taggia, dove sono stati trovati ben tre inneschi confermando l’origine dolosa del rogo, ma anche in provincia di Bologna. Proprio per questo la Questura di Rimini ha disposto un potenziamento dei controlli e delle misure di sicurezza, interessando anche la Digos, tra l’altro intervenuta con una serie di rilievi anche a Taggia.

Dopo quella di Imperia è probabile che si possa svolgere anche a Rimini una riunione del comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza. La Marr è stata colpita il 5 novembre scorso con 4 bottiglie molotov, trovate sotto i camion all’interno di un deposito in provincia di Bologna. Un attentato non riuscito, probabilmente perché i malviventi sarebbero stati costretti a fuggire prima di concretizzarlo.

Si tratta di un tentativo rivendicato dagli anarchici, che quindi potrebbero essere anche dietro l’attentato di Taggia, anche se gli inquirenti felsinei non lo confermano. Nella rivendicazione bolognese, l’azienda colpita anche nella nostra provincia sarebbe stata accusata di rifornire di generi alimentari le mense di carceri e centri di espulsione per immigrati. 

Carlo Alessi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium