/ Attualità

Attualità | 30 novembre 2022, 10:35

Foreste: il vice Presidente regionale Piana: “A Monte Ceppo l’incontro formativo del progetto Evoforest”

L’evento segue la giornata dimostrativa con tavola rotonda del 17 novembre al Porto Antico di Genova in cui sono stati divulgati i risultati del progetto.

Foreste: il vice Presidente regionale Piana: “A Monte Ceppo l’incontro formativo del progetto Evoforest”

Tappa finale nell’imperiese per la didattica del progetto Interreg ALCOTRA (Programma europeo di cooperazione transfrontaliera tra Francia e Italia) Evoforest in chiusura a gennaio 2023 che ha visto tra i suoi campi d’azione la formazione professionale degli Operatori forestali e la comunicazione su temi riguardanti il bosco ed i servizi ecosistemici quali la protezione idrogeologica dei versanti, l’utilizzo a cascata del legno per la produzione di manufatti e il riscaldamento domestico, la mitigazione del cambiamento climatico, la preservazione delle riserve idriche, la fornitura di servizi ricreativi culturali, sportivi e turistici. Coinvolti, dalla Regione Liguria capofila del progetto, l’Istituto Aicardi di Sanremo e la Scuola Forestale di Ormea.

Domani gli studenti potranno visitare il cantiere di avviamento all’alto fusto dei boschi cedui di faggio, presso la foresta demaniale regionale del Monte Ceppo in Provincia di Imperia. L’evento segue la giornata dimostrativa con tavola rotonda del 17 novembre al Porto Antico di Genova in cui sono stati divulgati i risultati del progetto.

“La principale missione di Evoforest, che ha dedicato gran parte delle sue risorse agli studenti ed al loro inserimento lavorativo nelle professioni connesse alla gestione forestale attiva per favorire un adeguato ricambio generazionale – spiega il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura, allo Sviluppo dell’Entroterra e al Marketing Territoriale Alessandro Piana – è stata quella di sensibilizzare il grande pubblico circa la necessità di recuperare il tradizionale utilizzo del bosco, risorsa rinnovabile primaria del territorio (informazioni QUI).

Il progetto parte dalla consapevolezza che per mettere in atto corrette politiche gestionali, è centrale il capitale umano, chiave di volta per il presidio del territorio contro gli abbandoni, così pericolosi per la tenuta idrogeologica e la prevenzione incendi. La partecipazione di giovani durante tutto il progetto dimostra la riuscita dei diversi incontri e un orientamento positivo verso un settore decisamente in crescita, che può dare soddisfazione. Un comparto etico e importante dal profilo ambientale”.

Tutte le informazioni sul progetto, i partner, i temi affrontati ed i prodotti realizzati sono QUI.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium