/ Politica

Politica | 30 novembre 2022, 19:47

L'assessore Sartori oggi nell'Imperiese: "I nostri borghi hanno valenza strategica per il turismo ligure"

L'assessore regionale al Turismo ha visitato pomeriggio Diano Arentino, Diano Castello, Villa Faraldi e Cervo insieme al presidente Toti, al vicepresidente Piana e all’assessore alla Formazione Marco Scajola

L'assessore Sartori oggi nell'Imperiese: "I nostri borghi hanno valenza strategica per il turismo ligure"

“I borghi liguri rivestono una valenza strategica notevole per il turismo della Liguria e come assessorato stiamo proseguendo nell'opera di promozione per renderli ancora più attraenti con incentivi e finanziamenti per la loro riqualificazione”, lo ha dichiarato l'assessore regionale al Turismo Augusto Sartori nel corso della visita di questo pomeriggio a Diano Arentino, Diano Castello, Villa Faraldi e Cervo insieme al presidente Toti, al vicepresidente e assessore all’Agricoltura Alessandro Piana e all’assessore alla Formazione e Urbanistica Marco Scajola.

“Siamo la Regione che ha  dato i 'natali' ai comuni bandiere arancioni e che ha il più alto numero di comuni certificati in proporzione al numero complessivo. Abbiamo lanciato la campagna di promozione e valorizzazione 'Liguria, un mare di borghi' e abbiamo aderito al progetto nazionale 'Scopri l’Italia che non sapevi', l'importante iniziativa per presentare al pubblico il territorio italiano secondo linee condivise tra tutte le regioni: ciò testimonia quanto teniamo a valorizzare i nostri paesi rurali”, ha aggiunto l'assessore.

I borghi sono testimoni di valore nell’impegno a favore della sostenibilità e dell’autenticità della proposta turistica, la Liguria sostiene l’importanza di garantire una buona qualità di vita ai residenti anche in funzione di attrarre ospiti sempre più attenti e consapevoli. Il coinvolgimento della popolazione locale e dei turisti, anche attraverso l’incentivazione alla mobilità dolce e sostenibile, contribuisce infatti alla mitigazione degli impatti ambientali e alla lotta ai cambiamenti climatici finalizzate all’attuazione dell’obiettivo 13 dell’Agenda 2030.

“Anche il cosiddetto turismo lento- ha concluso Sartori – ha contribuito al record assoluto registrato ad ottobre dove nella nostra regione si sono registrate più di un milione di presenze con una crescita di 157 mila unità rispetto al 2019”.

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium